Posts Tagged 'relazione'

Una nuova prospettiva per prevenire e affrontare il malessere relazionale

PER FAMIGLIE E COPPIE

14519688_313052682388748_9185098298157899890_n

La Video Intervention Therapy

Dottoressa Valeria Papa
Psicologa, psicoterapeuta, terapeuta VIT

Nella quotidianità familiare, ii problemi da gestire, più o meno grandi, possono essere molteplici. Figli che non collaborano in casa, che rifiutano di fare i compiti, che non vogliono mangiare o dormire, fratelli che litigano e molto altro.
Spesso il genitore può prevedere quello che accadrà con suo figlio o tra i suoi bambini, sa già quali saranno le situazioni che porteranno al conflitto ma non trova soluzioni efficaci per cambiarle. Altre volte invece le trova con grande soddisfazione.
Difatti, ci sono delle sequenze nella relazione che si ripetono, ma solo alcune cementano la sicurezza personale, altre sequenze la minano.
Con la VIT i genitori vedono con l’aiuto del terapeuta ciò che accade tra di loro, tra loro e i loro figli, tra i bambini stessi, in modo più chiaro.
La Video Intervention Therapy- VIT è particolarmente indicata nella terapia familiare perché attraverso l’osservazione della relazione (i filmati si possono girare nel contesto di vita abituale), permette di cogliere sfumature nel comportamento, che non emergerebbero altrimenti così chiaramente.
Osservare insieme l’interazione fa sì che il genitore possa avere una prospettiva più completa. Appaiono chiaramente le RISORSE e le COMPETENZE di ciascuno, le capacità già presenti da far crescere e le abilità che possono essere sviluppate ulteriormente.
Con l’aiuto del terapeuta, i genitori comprendono come realizzare cambiamenti nella PRATICA quotidiana.
La VIT ha il pregio di essere una terapia particolarmente efficace perché permette ai genitori o ai coniugi di acquisire consapevolezza riguardo a quei comportamenti specifici che innescano una “reazione a catena” che conduce ai principali nodi problematici della relazione.
Il filmato si rivede poi insieme al terapeuta che aiuta le persone a individuare le interazioni ben funzionanti e quelle critiche, sostenendole nel superare le difficoltà.
La VIT è utilizzabile in tutti gli ambiti in cui è protagonista la relazione, sia per prevenire che per affrontare efficacemente il malessere relazionale.
Si usa molto bene anche per la terapia di coppia per cogliere aspetti meno evidenti della comunicazione che generano incomprensioni o conflitti.
Infatti l’oggetto della VIT non è la psicopatologia del singolo ma le micro comunicazioni verbali e non verbali TRA le persone.

N.B. Tutti i filmati sono protetti da segreto professionale

Dottoressa Valeria Papa
Psicologa, psicoterapeuta, terapeuta VIT
Via Boezi 73, Roma (zona Infernetto)
Riceve su appuntamento 3932281924

Annunci

L’importanza della relazione madre- bambino nel primo anno di vita e fattori di rischio

La relazione tra madre e bambino, costituisce, sin dalla nascita, una risorsa fondamentale per lo sviluppo affettivo infantile. Ci si riferisce alla relazione con la madre o con il caregiver (ovvero la figura di riferimento principale che si prende cura del bambino in maniera continuativa).

manos-3-1315301

Esistono tuttavia delle condizioni di rischio che possono compromettere la qualità della relazione e conseguentemente anche la capacità del bambino di sviluppare al meglio le proprie competenze relazionali e il senso di sicurezza personale.

Secondo Sroufe (1996), il bambino impara a regolarsi proprio grazie all’esperienza di regolazione vissuta con la madre o con la persona che si prende cura di lui. La capacità di regolarsi e organizzarsi è fondamentale affinché il bambino impari ad affrontare efficacemente i fattori di stress durante la crescita.

Preservare il senso di una solida sicurezza emotiva attraverso una buona relazione, rappresenta dunque un importante obiettivo per organizzare le emozioni, i comportamenti e la valutazione di sé e delle relazioni interpersonali (Barone, 2007).

Durante l’interazione avvengono innumerevoli scambi di comunicazione e si stabilisce uno stato di connessione e reciproca regolazione delle emozioni. Tutto ciò è possibile grazie alla capacità della madre di comprendere empaticamente le emozioni, di anticipare i bisogni del bambino e di soddisfarli al momento giusto secondo una sincronia temporale (Tronick e Weinberg, 1997). Tuttavia è irrealistico pensare che una madre debba essere sempre presente ed empaticamente disponibile; infatti nella quotidianità  si verificano molteplici momenti di stress relazionale in cui il bambino è sregolato (piange, urla, richiama la madre) e la madre non è disponibile al momento. Solitamente, tra i 6 ed i 12 mesi, nella relazione i due partner sembrano consolidare la presenza dell’altro, alimentando un processo di comunicazione più complesso dove sintonizzazione, rottura e riparazione si alternano in modo continuo (Beebe e Lachmann, 2002; Sroufe,1995).

La capacità materna di riconoscere le rotture nella sintonia e di riconnettersi col bambino può offrire esperienze di rinnovata sicurezza e fortificare il senso di autoefficacia del bambino. Con la crescita, le coppie madre-bambino mostrano un aumento del loro livello di coordinazione, nei termini di corrispondenza e sincronia (Cohn e Tronick, 1989).

 

La qualità della relazione tra madre e bambino deriva dall’intreccio tra le precoci competenze del bambino e la capacità della madre di interpretarne adeguatamente i segnali, rispondendovi secondo modalità appropriate.

Nell’ambito delle relazioni significative, il bambino apprende progressivamente specifici stili di regolazione della propria tensione emotiva affidandosi alla disponibilità emotiva della madre (Emde, 1980; Sorce e Emde, 1981), la quale, fungendo da elemento regolatore esterno, ne modula gli stati emotivi interni. La corretta interpretazione dei segnali e delle richieste, anche implicite, del bambino si basa sulla tendenza della madre a non produrre distorsioni di significato in base alle proprie aspettative o inferenze, in quanto si fonda su una predisposizione empatica ed accogliente, che tiene conto soprattutto della lettura del suo stato affettivo (Stern, 1985).

La letteratura scientifica, evidenzia come le madri che presentano un rischio depressivo e in condizioni di stress psicosociale, manifestano una maggiore probabilità di condizionare la relazione col neonato interferendo con il processo di sviluppo di un solido senso di sicurezza personale. Le madri che presentano questo doppio rischio, mostrano una minore sensibilità e una più scarsa capacità di cooperazione, uno stato affettivo negativo, una più elevata presenza di comportamenti che interferiscono con lo stato affettivo del bambino. (Tambelli, A.M. Speranza, C. Trentini, F. Odorisio, 2010).

Le madri depresse mostrano importanti limitazioni nell’espressione degli affetti e una  difficoltà a sintonizzarsi con gli stati affettivi dei figli (Stern, 1989), non riuscendo ad accoglierne le emozioni e i bisogni di connessione emotiva. Tale atteggiamento protratto nel tempo, può progressivamente indurre i bambini a  rappresentare se stessi come non competenti e ad avere una scarsa fiducia nella relazione con la madre.

In sintesi, la depressione materna, associata al rischio di vari fattori di stress psicosociale (basso livello socio-economico; isolamento delle famiglie dal contesto sociale; difficoltà economiche e lavorative; disoccupazione; condizioni abitative inadeguate per igiene e spazi; emarginazione sociale), sembrerebbero i più forti elementi predittivi delle conseguenze negative nel bambino ad un anno di vita (Seifer, Dickstein, Sameroff, Magee e Hayden, 2001).

Pertanto, ampliare il focus sulla qualità della relazione con le figure di riferimento, consente di comprendere meglio il normale sviluppo del bambino, così come gli eventuali esiti in senso psicopatologico.

Per tale motivo, interventi che consentono di migliorare la qualità della relazione madre- bambino, hanno anche un valore altamente preventivo di futuri esiti psicopatologici nei bambini.


settembre: 2018
L M M G V S D
« Mar    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Archivi

Annunci